Archivio mensile:dicembre 2012

Cambiare. Si fa!

Negli ultimi  giorni la politica italiana è stata scombussolata da una serie di eventi che necessitano di una riflessione analitica prima e di una pratica poi per poter meglio fare delle scelte.

1)      E’ stato definitivamente approvato il provvedimento della procedura di modifica della Costituzione. Vengono, infatti, modificati quattro articoli – 81, 97, 117 e 119 – e si introduce il principio del pareggio di bilancio. Tale principio vale per tutti i livelli dello stato. Questo comporterà che gli organi dello stato non potranno fare spese se non dentro questo principio vincolante. L’effetto più drammatico di questa modifica costituzionale è che le spese che riguardano le politiche sociali, la sanità  e più in generale il welfare subiranno una netta contrazione. E’ facile prevedere che nel contesto di crisi occupazionale e di contrazione dei salari, fase iniziata con il governo Berlusconi e rafforzata a dismisura con il Governo Monti,  questa scelta produrrà effetti sociali devastanti in tutto il paese. Un esempio di questo si è già visto con il taglio dei fondi per i malati di SLA. L’approvazione del pareggio di bilancio in costituzione unito all’approvazione del c.d. Fiscal Compact sono i cardini del nuovo indirizzo economico dell’Europa. La stragrande maggioranza dei partiti presenti in parlamento, compreso il PD, ha votato a favore sia del fiscal compact che della modifica costiuzionale. Il fiscal compact non è altro che un dispositivo, inteso nell’accezione foucaltiana di apparato, che impone il taglio di 45 mld di euro annui per i prossimi venti anni. Questo dispositivo  porta con sé un vero e proprio modello sociale che si fonda sul principio dello stato di natura di Hobbes, cioè un luogo senza mediazioni e senza legge dove non ci sono più garanzie per nessuno e i servizi e gli stessi salari saranno erogati fino a quando non si arriva al limite del pareggio di bilancio.       http://documenti.camera.it/leg16/dossier/Testi/ac0691e.htm#dossierList Leggi il resto di questa voce