Archivi Blog

FACEBOOK : il pesce che cresce ingabbiato dalla rete.

schermata91

Dopo la lettura di questo articolo sto prendendo in seria considerazione la possibilità di eliminare il mio nome da facebook. Essere utlizzato come cavia o soggetto sul quale fare sondaggi e inchieste commerciali, non rappresenta al meglio le potenzialità di uno strumento che consente una orizzontalità della comunicazione. La mia idea di utilizzo della rete è legata ad una suggestione di democrazia o  postdemocrazia, nel senso che internet non è una cura per la democrazia, come direbbe Formenti, tuttavia se i rapporti interni alla rete non sono democratici e ripropongono in maniera complessa le articolazioni della relazione di potere esterni, credo possa essere utile chiamarsi fuori da un giochetto come Facebbok. Se è vero che la rete non è ( ancora?) un cybersoviet, sempre citando Formenti, e vero anche che se si profila all’orizzonte una cybercella bisogna prenderne le distanze.

Gianluca

Da Il disinformatico – attivissimo.blogspot.com

Facebook a corto di soldi, vende i dati degli utenti

Il coretto dei “te l’avevo detto” parte fra trenta secondi: se volete unirvi, ecco i dettagli della storia. Il Telegraph ha annunciato che Facebook intende sfruttare i dati personali dei suoi iscritti, ormai arrivati a quota 150 milioni, per creare uno dei più grandi sistemi del mondo per le ricerche di mercato. Facebook, nonostante la propria popolarità, fa infatti fatica a guadagnare dalla pubblicità che ospita attualmente. Leggi il resto di questa voce

Annunci